Chi dovrà pagare gli oneri straordinari della casa alienata?

Nel caso di spese straordinarie per individuare il soggetto debitore si debba fare riferimento alla data della relativa deliberazione assembleare. Chi era proprietario dell’appartamento in quel momento sarà tenuto a pagare i lavori approvati seppure il riparto degli oneri e i lavori fossero effettuati dopo la vendita della casa. Infatti, “laddove successivamente alla delibera assembleare che abbia disposto l’esecuzione di tali interventi, sia venduta un’unità immobiliare sita nel condominio, i costi dei lavori gravano – secondo un criterio rilevante anche nei rapporti interni tra compratore e venditore, che non si siano diversamente accordati tra di loro alla luce di patti comunque inopponibili al condominio – su chi era proprietario dell’immobile compravenduto al momento dell’approvazione di detta delibera, la quale ha valore costitutivo della relativa obbligazione. Con una recentissima sentenza, il Tribunale di Catania il 3 Dicembre 2020 (n.4028) ha quindi rigettato l’opposizione da parte di di chi aveva venduto l’immobile e si era ritenuto estraneo agli obblighi economici relativi a lavori straordinari approvati prima della vendita.

www.studiolegalesalluzzo.it

LA PRIMA CASA SI PUO’ PIGNORARE?

53bbe-ee691-7ca0b-718bb-086efPer i debiti con privati, quali banche, finanziarie, fornitori, condominio, persone fisiche o altre società, non vi è nessun limite al pignoramento degli immobili del debitore. Quindi anche la prima casa è pignorabile, l’unica casa, anche se all’interno c’è un minore, un invalido e il debitore non ha altri beni. Ma se il creditore è l’agente della riscossione? Continua a leggere

Pe il mantenimento figli: il giudice deve valutare le esigenze anche dei nuovi nati da altra unione.

Per la Suprema Corte, in un provvedimento recentissimo, il giudice non può respingere la richiesta del divorziato che chieda la riduzione dell’assegno di mantenimento della prima figlia, senza valutare le esigenze di crescita degli altri figli avuti da una successiva relazione.mantenimento-figli_big

La Corte ha accolto il ricorso di un padre che si era visto negata la riduzione dell’assegno di mantenimento versato nei confronti della figlia nata dal precedente matrimonio, avendo avuto in un successivo matrimonio altri tre figli. Il Tribunale aveva accolto il ricorso in modifica ma la Continua a leggere

AFFIDO ESCLUSIVO SE L’ALTRO GENITORE è ASSENTE

AFFIDO ESCLUSIVO CONTRO IL GENITORE ASSENTE
Con la sentenza numero 594/2016 il Tribunale di Napoli, seguendo un orientamento sempre più consolidato, ha confermato come nel caso in cui uno dei genitori sia assente, belladisinteressato alla vita del figlio e talvolta addirittura irreperibile, è ben possibile prevedere e applicare l’affido esclusivo in capo all’altro. Ciò soprattutto se il minore è un adolescente, quindi perfettamente in grado di decidere da solo e di interagire con il genitore (nel caso in questione il padre) assente.

Continua a leggere

ATTENZIONE – ALLE polizze assicurative delle società SPORTIVE .

Mi sono occupata di recente di un indennizzo per un infortunio subito da una ragazza durante una lezione di equitazione. La caduta da cavallo aveva comportato la rottura del malleolo, l’applicazione del gesso per oltre un mese, ulteriori 30 giorni di riposo con divieto di poggiare il piede, fisioterapia.ok-foto
Trattandosi di figlia di una cliente mi è stato chiesto di aiutarla ad attivare la polizza dell’ASI – Associazioni sportive e sociali italiane.
Dalle mera lettura delle condizioni ho constatato come i massimali fossero irrisori, ma ho comunque inoltrato la denuncia allegando una notevole documentazione medica.

Continua a leggere