Rischia la decadenza dalla patria potestà chi impedisce i rapporti con i nonni

Fatto traumatico che si puo’ verificare è la morte di uno dei coniugi con, in alcuni casi, conseguenze nei rapporti tra figli minori e i parenti del genitore non piu’ in vita.foto nonni nipoti

Si verifica infatti che il genitore superstite abbia atteggiamenti ostruzionistici nei confronti dei nonni e degli zii e tenti di impedire che il minore conservi un rapporto affettivo e di relazione con loro.E’ una condotta che lede i minori, creando infatti delle fratture emotive che sono state oggetto di attenzione da parte della Corte di Cassazione.
La Suprema Corte infatti richiama l’attenzione dei genitori perchè si rispettino regole comportamentali, che la giurisprudenza impone a tutela dell’interesse dei figli.Proprio a tal proposito, una recente sentenza della Suprema Corte (n. 5097 del 5 marzo 2014), si è occupata del caso di un uomo che a seguito della morte della moglie, aveva impedito la frequentazione tra il figlio e i nonni materni.
La Corte è stata molto chiara nel dichiarare come un atteggiamento del genere puo’ essere causa di decadenza della patria potestà..

Riportandomi poi a quanto già oggetto di commento, su una nuova norma che conferma il diritto di “essere nonni”, l’Art. 317-bis. rinnovato dal D.lgs 154/2013,entrato in vigore il 7 febbraio 2014, ha infatti espressamente regolamentato i rapporti con gli ascendenti (nonni – bisnonni), stabilendo che: “Gli ascendenti hanno diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni.
L’ascendente al quale e’ impedito l’esercizio di tale diritto puo’ ricorrere al giudice del luogo di residenza abituale del minore affinche’ siano adottati i provvedimenti piu’ idonei nell’esclusivo interesse del minore.”
La ratio di questa innovazione legislativa è il riconoscimento non solo del legame affettivo nonno – nipote, ma è anche (e soprattutto) l’importanza al legame culturale tra generazioni, con uno scambio che permetta la trasmissione di conoscenze ed esperienze accumulate nell’arco di più generazioni.
Questa pronuncia conferma l’importanza e valore anche nelle aule dei Tribunali dell’importanza della figura dei nonni.
Cassazione n. 5097 del 5 marzo 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...