Condanna al genitore che ostacola i rapporti dei figli con il padre

La Cassazione ha nuovamente preso in esame,  con la sentenza n. 4176 del 21 febbraio 2014,  un ennesimo caso di uso dei figli nelle coppie separate, con ostacoli del genitore “affidatario” al sereno rapporto con l’altro genitore.Immagine

La Corte d’appello di Campobasso ha affermato come il genitore affidatario abbia il dovere morale e giuridico di promuovere il riavvicinamento dei figli al genitore non affidatario, garantendo il più possibile le loro frequentazioni con l’altra figura genitoriale.
Nel caso in questione la donna “aveva mantenuto costantemente un atteggiamento ostruzionistico e di resistenza rispetto ai rapporti tra l’altro genitore ed i figli minori ed all’esercizio del diritto di visita”.
Nella mamma si è vista una propensione a scaricare i propri conflitti sul rapporto tra i minori e l’altro genitore, fino al punto di determinare l’eliminazione di tale rapporto.
Il tutto a seguito di quanto è emerso da indagini tecniche e dalle relazioni dei servizi sociali.
La signora è stata pertanto ammonita e si è vista applicata una sanzione pecuniaria di € 2500,00 (ex art. 709 ter cod. proc. civ.)
Piccola riflessione
Nel caso in questione la signora aveva un affido esclusivo dei figli; in controcorrente con l’affido condiviso oggi prevalente.
Dopo la legge 54 del 2006 prevale infatti l’affido condiviso, seppure vi è di norma una maggiore stanzialità dei figli con la figura materna, beneficiaria quindi dell’assegno di mantenimento e alla quale  quindi  viene  assegnata  la casa coniugale.
Qualcosa è cambiato sul diritto anche dei papà di esserci nella vita dei loro piccoli ma la strada, a mio dire, è ancora tanta e dovrà essere piu’ che giuridica, di crescita umana.
I casi di strumentalizzazione non potranno essere risolti da nessuna legge e/o sentenza ma dal rispetto di ciascuno genitore del ruolo dell’altro, come dovuto ma piu’ di ogni altro come gesto di amore per i propri figli e al loro diritto di crescere con la presenza di entrambi i genitori.
Bisogna però non dimenticare la tante mamme che “combattono” contro ex mariti assenti dalla vita dei loro figli.
Anche lì una sentenza di condanna non potrà mai colmare il vuoto dell’assenza del genitore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...